Posizionamento sui motori di ricerca

Il posizionamento sui motori di ricerca, spesso conosciuto come Search Engine Optimization (SEO), è l’insieme delle strategie atte a far migliorare la posizione di un sito web nella pagina dei risultati del motore di ricerca, detta SERP (Search Engine Result Page), con l’obiettivo di attrarre un numero maggiore di visitatori puntando sulla valorizzazione di alcune parole chiave o keywords. Dalla nostra esperienza di utenti sappiamo bene come, quando digitiamo una o più parole su Google, la nostra attenzione viene quasi sempre richiamata dai primi risultati che emergono dalla ricerca. Diversi studi hanno dimostrato che la maggior parte degli utenti punta a trovare ciò che cerca nei primi tre siti della prima pagina. Se la ricerca dell’utente non viene soddisfatta dalle prime tre pagine allora egli tenderà a dare uno sguardo alle altre pagine, cercando, se possibile, di evitare di voltare pagina. Del resto, chi usa un motore di ricerca lo fa per individuare un’informazione nel minor tempo possibile e solo in pochi sono interessati a scandagliare le varie pagine web. Insomma, l’utente vuole il massimo risultato con il minimo sforzo e tale risultato sembrano garantirlo soprattutto i siti che, per determinate parole chiave, occupano in SERP una prestigiosa posizione.

I vantaggi di una efficace strategia SEO

posizionamento

Fare SEO è vantaggioso sotto tanti punti di vista. Una buona percentuale di navigatori preferisce i risultati cosiddetti organici, quelli ottenuti con un posizionamento naturale, piuttosto che i risultati a pagamento, ottenuti tramite l’affiliazione a Google Adwords. Altro aspetto da tenere in grande considerazione è dato dal fatto che il risultato che si ottiene puntando su una determinata keyword è destinato a perdurare e a protrarsi per un tempo che potrebbe essere anche molto lungo. Insomma, se riuscite a piazzarvi nelle prime posizioni di Google è molto difficile che, almeno nel breve periodo, qualcuno possa prendere il vostro posto. Rispetto ad una campagna pubblicitaria, inoltre, fare SEO è del tutto gratuito. Ovvio che un’azienda potrebbe e dovrebbe affidare questo compito ad un esperto in materia e, sotto questo punto di vista, qualche costo ci sarebbe. I vantaggi potenziali che potrebbero derivarne, però, sarebbero veramente importantissimi per l’azienda e per la visibilità del brand.

Come impostare una strategia SEO

Il punto di partenza di qualunque strategia SEO deve essere basata sulle parole chiave. Bisogna calarsi nella mente dell’azienda e dei beni e servizi che essa offre e cercare di comprendere quali parole potrebbe digitare tramite Google l’utente che è alla ricerca di quelle informazioni. Scegliere con parsimonia e grande attenzione queste parole è fondamentale perché le keywords dovranno essere la colonna portante dei contenuti del sito web. Sbagliare le parole chiave potrebbe avere effetti distruttivi per la visibilità delle pagine web e, dunque, del brand.

Come scegliere le parole chiave

La maggior parte degli esperti SEO è chiamato a scegliere tra parole chiavi a coda corta e parole chiavi a cosa lunga. Una keyword a coda corta potrebbe essere, ad esempio, ‘scarpe da calcio’. Una keyword a coda lunga, al contrario, rimanendo sempre sul tema, potrebbe essere ‘scarpe calcio con tacchetti’ oppure ‘scarpe calcio per erba sintetica’. E’ abbastanza intuibile la differenza tra parole a coda corta e parole a coda lunga. Le prime sono molto generiche, le secondo più specifiche. La maggior parte degli esperti Seo preferisce keywords a coda lunga perché analizzano in maniera più soddisfacente e completa i bisogni degli utenti e perché, solitamente, hanno minore concorrenza nell’ambito del posizionamento sui motori di ricerca. Dunque, dovrebbe essere più profittevole puntare su tante parole chiave specifiche piuttosto che su poche ma generiche.

Come funziona Google

GoogleI database di Google ospitano una mole gigantesca di dati e, per far fronte a tutte queste informazioni, il motore di ricerca utilizza un software chiamato robot che analizza ed indicizza ogni pagina che trova sul web. Google posiziona i siti web nelle proprie pagine secondo i criteri di pertinenza e rilevanza. La pertinenza ha a che fare con la corrispondenza che si crea tra ciò che cerca l’utente e il modo in cui il motore di ricerca risponde alla richiesta dell’utente stesso. La rilevanza si riferisce all’importanza, al prestigio di un sito web rispetto ad un altro. Google stabilisce l’importanza di un sito rispetto ad un altro valutando alcuni fattori importanti, come i link e la qualità dei contenuti.

Come scrivere contenuti di qualità

Una buona strategia SEO non dipende solo dal lavoro di posizionamento, ma passa anche e soprattutto per la creazione di contenuti di qualità. Sono poche ma fondamentali le regole che chiunque voglia fare SEO deve seguire. Il titolo e la meta description sono due componenti fondamentali, attentamente prese in considerazione sia da Google che dagli utenti. La parola chiave deve essere inserita, con criterio, sia nel titolo che nella meta description. In merito al contenuto vero e proprio, è importante partire subito dal concetto principale che si vuole esprimere, facendo ricorso alla cosiddetta piramide rovesciata. Dunque, le informazioni fondamentali all’inizio ed i dettagli nel resto dell’articolo. L’esperto SEO deve privilegiare parole e periodi semplici, deve organizzare i contenuti in paragrafi e deve, laddove possibile, inserire degli elenchi puntati e delle parole in grassetto. Con questi accorgimenti è molto probabile che il contenuto pubblicato ottenga riscontri e successi anche sui motori di ricerca.